Skip to content

HO VISTO UN’AMICA COME ME

5 maggio 2017

Dopo che Mr Late mi ha lasciata con un paio di calzini in mano e lo spazzolino pendente dalle labbra, in pochi mesi anche una delle mie amiche più care è stata a sua volta lasciata dal ragazzo con cui conviveva. Stavo iniziando ad alzare lo sguardo da una avvenente depressione e lei mi faceva ricadere in 5 secondi netti in tutta la sofferenza che pensavo fosse ormai alle spalle (avrei saputo solo più tardi che ci vuole di più, molto di più, per liberarsi dall’angoscia e dalla rabbia).
Avevo smesso di piangere il mio abbandono da poco, e con lei ricominciai a piangere la tristezza, la sofferenza che avevo provato -che a tratti provavo ancora- e piangevo la visione retrospettiva che avevo di me, seduta a gambe incrociate sul pavimento, singhiozzante e stremata dalla stanchezza del non avere più vicino quello che pensavo essere il mio compagno. Soffrivo per aver sofferto tanto. Mi facevo pena in ritardo.

Ci siamo alzate insieme e da sole, io e la mia amica cara. Ora sorridiamo, e siamo donne più forti e nuove, anche se ancora non sempre è facile.

Un paio di mesi fa, un’altra mia amica, fidanzata da 8 anni e da 2 convivente, è stata a sua volta lasciata dalla sera alla mattina.
E’ arrabbiata, triste, sola, disperata. Non si dà pace, si chiede i se e i forse che non dovrebbero essere chiesti più, a posteriori. Scruta messaggi, accessi al cellulare, foto postate e frasi riportate. Si rovina la vita dando la colpa della sua vita rovinata a lui.
Non posso fare molto e piangere insieme non voglio, non posso e per fortuna non ne ho bisogno più. Posso ascoltare, annuire, condividere le sensazioni -in gran parte disfunzionali- che guarda caso ci accomunano tutte in questi casi.
E le dico che la tristezza non passa facilmente, che non creda che da un giorno all’altro si sveglierà senza un nodo alla gola, che non pensi che non ci saranno più notti piene di incubi e risvegli pieni di singhiozzi. Che non passa in pochi mesi, che a distanza di anni ancora ci penserà, che si chiederà se poteva andare diversamente -poteva andare diversamente?-, che nessuno ci sarà nei tramonti al buio, nelle notti insonni, che nessuno la vedrà quando consumerà rotoli di carta igienica per soffiarsi il naso, perchè noi ci siamo, gli amici, la famiglia, ci sono, ma non sempre. Che è da sola che deve salvarsi il culo, che è da sola che deve tirare fuori la forza di non deprimersi, che è così facile, così facile, deprimersi. Che deve decidere di fare cose, di spostare il suo corpo fuori di casa, di aprire la finestra far entrare il sole ascoltare musica allegra andare a camminare nel sole decidere di iscriversi in palestra andare a correre in piscina a fare un viaggio anche da sola, tirare fuori se stessa e credere di potercela fare, anche se è così difficile, perchè lo è.
Anche se è facile, dall’esterno, dire di darsi una mossa, anche se è facile dire di voltare pagina, di andare avanti.
NON LO E’.
Non è facile. E’ tremendamente difficile. Quando quello che credevi essere metà del tuo mondo se ne va.  Si cercano giustificazioni, spiegazioni, motivazioni, che anche se esistono -voglio credere che esistano- non ci riguardano più. Quello che ci resta, quello che abbiamo nostro, è il tempo, il corpo, la mente. Nutrirli e coltivarli e accarezzarli è il nostro compito. Talvolta anche darci un calcio in culo e metterci in moto.

Ascoltando lei, la sua sofferenza, guardando me e la mia vita oggi, a un anno e mezzo, sorrido. A volte fa ancora male, ma meno, incommensurabilmente meno. La mia vita è molto più ricca perchè io l’ho resa tale, mi sono messa in moto. Ho fatto, mi sono mossa, ho conosciuto, sono cambiata. E’ stato difficile? Sì, lo è stato e molto.

Ma guarda chi sono ora, guarda che forte sono, ho smesso di piangere da qualche tempo, la mia vita è bella, c’è il sole sempre, sempre anche quando piove.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: