Skip to content

HO TOLTO LA NOSTRA FOTOGRAFIA DAL MURO

11 aprile 2016

Ho tolto la nostra fotografia dal muro.
Ho preso i due scatoloni di ciò che in questi mesi di suo ho trovato sparso per casa, ciò che è sfuggito alla sua fuga dicembrina fatta in fretta e furia prima che io rientrassi in casa, e li ho portati in cantina.
Ho pianto coi singhiozzi per l’ora successiva, poi ho chiamato un mio amico ti prego parliamo di qualcos’altro, e mi sono calmata.

Che io da quattro mesi sia monopolizzata da questo pensiero, mi fa paura.

Ho smesso di scrivergli.
A tratti. Smetto, poi gli scrivo, poi smetto di nuovo. Per un po’. A volte mi assale questa urgenza di dirgli delle cose, e gli scrivo. Lui legge, non risponde.
Mi bloccasse, almeno, mi mandasse a fanculo. No. Indifferenza, che cristodio, è la cosa peggiore e lo dicevano già i filosofi della Grecia antica.

Mi sento molto sola, nonostante sola io non lo sia affatto. Mi sento sola perchè non c’è lui che pensavo fosse l’unica persona con cui sola non mi sarei sentita mai. E lo so che devo stare bene con me stessa, e perdonarmi e perdonarlo e andare avanti, e tutte queste cose che leggo compulsivamente su “huffington post” 10 regole per vivere senza rimpianti, 6 consigli per superare gli -enta, 4 must per volerti più bene eccetera che puntualmente compaiono come letture consigliate sulla mia pagina facebook.
A parte il capitolo sui test gravidici nelle pubblicità di youtube.

Mi sento sola e non sto male da sola. A volte vorrei essere sola davvero per poter piangere per sempre su questo fallimento. Poi tocca rispondere al telefono, andare a lavorare, vedere la gente al supermercato. Togliersi il pigiama, pulire il trucco sbavato, smettere di soffiarsi il naso nelle maniche della felpa.
Al lavoro se racconto qualcosa di questa -triste- storia, le mie colleghe ridono. Perchè la racconto così, da ridere. Tipo “quella sera in cui ha portato via i calzini e il mio caricabatterie”. La gente ride. Non capisco se per i calzini o per il caricabatterie.
Mi prendo in giro come vorrei riuscire a fare.
Poi lo dico anche, “guardate che a casa i fazzoletti non si son mai sentiti così utili, distilliamo centilitri di lacrime alla settimana”, ma no, loro ridono perchè io lo dico così, che ciò che pensavo ci fosse più bello nella mia vita non c’è più, non sanno mica che rischio la congestione emotiva ogni volta che il pensiero mi sfiora (sempre, mi sfiora a badilate sempre).

Che poi sto bene eh.
Sto persino facendo una dieta (la sto facendo da novembre, dai tempi non sospetti, quando a febbraio la dietista ha visto che non ero calata di un chilo a pagarlo, mi voleva abbandonare con un semplice forse non è il momento giusto per te, questo, per dimagrire, se vuoi ci rivediamo più in là, davanti al quale stavo per mettermi a piangere e implorarla ti prego non abbandonarmi anche te ti prego, e ci siamo accordate su un ultimo periodo decisivo, l’attuale, in cui forse impegnandomi a sostituire tutte le schifezze che mangiavo con carote crude, sto vedendo i primi risultati), sto facendo sport, sto dormendo molto, scrivendo poco, camminando e quelle cose lì amene.

Quando passerà, quando cazzo passerà.

3 commenti leave one →
  1. 11 aprile 2016 18:59

    Solo quando caxxo deciderai tu che nella tua vita hai bisogno di molto meglio!!!non di uno che scappa via portandosi via i calzini ed il caricabatterie e sparendo dalla tua vita come un coniglio! sì come un coniglio..meriti un leone caxxo!!anzi facciamo un panda che sono più coccolosi 🙂

  2. 12 aprile 2016 00:11

    Da sola non passa certo.
    Però togliere la foto sicuramente è un buon primo passo; invece di metterle in cantina dovevi gettarle nel cassonetto!

    —Alex

  3. veryverypipuffa permalink
    12 aprile 2016 08:16

    Non penso che la dietista ti volesse abbandonare, ma per seguire un percorso di quel tipo bisogna essere a posto con se stessi, con quello che si ha dentro. I problemi alimentari sono spessissimo figli di problemi irrisolti, non usare la dieta come terapia su te stessa, come scacciachiodo. Per quello va benissimo la corsa. Poi vedrai che ci prendi il vizio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: