Skip to content

2013 IS ENDING

29 dicembre 2013

Chiudere il 2013 in questi giorni si sta rivelando molto difficile. Il Natale appena passato credo sia stato il più brutto mai vissuto, tra incomprensioni, sensazione di solitudine, un pranzo andato per traverso e tante lacrime che non mi ricordavo di averne spese, ultimamente.

Ma per rendere realtà e onore a questo anno non posso fermarmi a pensare a questi ultimi giorni.

Il 2013 è stato l’anno in cui ho dimenticato Shirley, passando da una forte rabbia ad un blandissimo affetto postumo. L’ho visto qualche giorno fa, ad un concerto, e a parte un ciao, due baci sulle guance stentati, e un come stai? sto bene grazie, finisce lì, non abbiamo più niente da dirci, e va bene così.

Il 2013 è stato l’anno in cui ho finito gli esami, i tirocini, e nonostante le difficoltà date da La Relatrice, e il mio grande errore di scegliere proprio lei, mi sono laureata, con lode, perchè me lo meritavo, perchè sono stata brava in questi anni di studio. 

Il 2013 è stato l’anno in cui ho avuto una pericardite, e ho rantolato dal letto al divano per 5 giorni in preda a febbri incontrollate, poi sono stata bene.

E’ stato l’anno in cui ho ballato, in cui ho fatto qualche piccolo viaggio, in cui ho rivisto i miei colleghi dell’erasmus, in cui sono arrivate a casa le due bestiole belle e sataniche, in cui sono tornata al Paesello molte volte.

Nel 2013 a RootsCity ho conosciuto molti nuovi amici importanti, e ho coltivato con loro dei rapporti profondi, a suon di cene, colazioni e merende. 

Ho trovato lavoro, un mese dopo la laurea, e anche se è un lavoro che non mi piace, mi preoccupa, mi stressa molto più di quello che dovrebbe e non vedo l’ora di licenziarmi per qualcosa di meglio, è pur vero che ho un lavoro, che se non mi ucciderà potrebbe durare per 12 mesi, spero di no, SPERO DI NO, ma in ogni caso.

E poi, in ultimo perchè è come la ciliegina sulla torta, Mr Late. Che è arrivato in ritardo anche al primo appuntamento, un’ora e mezza di ritardo, e che alla prima cena a cui mi ha invitato ha omesso che non saremmo stati soli, ma in 10 persone, che il primo bacio non me lo dimenticherò mai, che fa le capriole in mezzo alla strada, che mi saltella attorno come una scimmietta, che non ha paura delle parole, che si fa un sacco di chilometri per vedermi, con cui fare progetti, che io amo. Davvero. Cazzo. Lo amo proprio. 

E con questo. Bon, vado a cena dagli zii.

10 commenti leave one →
  1. 29 dicembre 2013 23:19

    Mi pare sia stato un bell’anno allora!
    Buona cena!

    —Alex

    PS = e poi nel 2013 hai addirittura incontrato me! 😀

    • mantiduzza permalink*
      30 dicembre 2013 20:50

      abbastanza bello, è vero!
      ti ho incontrato in concomitanza con il Francese e l’arrivo di Luigi! strane situazioni 😀

  2. 30 dicembre 2013 01:02

    A parte il problema di salute, mi pare un anno bellissimo! E speriamo che il prossimo sia anche meglio.

    Simone

    • mantiduzza permalink*
      30 dicembre 2013 20:50

      e questo mal di gola?
      questo mal di gola??? 😦

  3. 30 dicembre 2013 13:51

    Tanti auguri, allora, per un 2014 esattamente come lo vuoi tu!

  4. 30 dicembre 2013 15:30

    Auguri Manti!! 🙂

    • mantiduzza permalink*
      30 dicembre 2013 20:50

      grazie Chesogni, sei ancora italica?

      • 1 gennaio 2014 14:51

        Sì sono ancora italica, la Befana mi riporterà in UK spero con qualche dolcetto, e spero in fretta!

  5. 31 dicembre 2013 00:14

    La Forza sia con te!
    (ok, anche un po’ più di salute)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: