Skip to content

DELL’ A N S I A .

8 giugno 2013

Immagine

Eccole qua, le due. Passano dalla fame vorace e violenta al pacifico dormirsi addosso. Anche al dormirmi addosso. Quando studio devo avere tutto a portata di mano, che loro mi si sdraiano sulle gambe e poi non c’ho mica il cuore di svegliarle per, chessò, bere, andare in bagno, telefonare.

Mancano solo più 2 esami. Uno è passato, superlativamente bene. 
Manca la tesi, e la professoressa ha iniziato a gettarmi addosso tir di ansia. Io che l’ansia la so gestire così bene, eh? Io che l’ansia la prendo e la trasformo in Ansia, anzi in A N S I A, ben scandita. Io che quando sono un po’ preoccupata, per non pensarci, dormo.
La tesi. Che volevo fosse su un argomento ma sarà su tutt’altro. Che va bene così, l’importante è finire e diventare a tutti gli effetti una disoccupata in cerca di lavoro. 
La tesi, che dovrei montare dei video per fare i focus group, e lo dovrei fare tra oggi e domani, dato che la relatrice li vuole visionare lunedì e io ho risposto certoglieliportosuchiavetta? dando dunque per scontato che fossero già pronti.

Nel mentre però martedì ho il penultimo esame e dovrei studiare, dovrei, e poi la vita sociale non può passare in ultimo posto solo perchè mi devo laureare, devo ben trovare il tempo per uscire e ballare, come dicevo anche qua.

Ho l’ansia da tempo che sfugge, giorni che corrono, io che mi appunto le cose da fare e puntualmente ne faccio solo la metà, e la metà facile, io che amo postporre e che a questo punto postporre non posso più. 
Io che con la lista delle cose da fare che non ci sta nell’agenda, adesso sono qua a scriverne, pur di non incominciare. 

Voglio scrivere di molte altre cose, lo farò. 

8 commenti leave one →
  1. 9 giugno 2013 09:00

    Brava per l’esame passato!

    Per il resto dai un passo alla volta. Il trucco per non farsi schiacciare dall’ansia è non stare a pensare quale passo fare per primo ma semplicemente farne uno, a caso e cominciare da quello; poi gli altri si srotoleranno da soli ed arriverà la fine della matassa.

    —Alex

    • mantiduzza permalink*
      12 giugno 2013 14:06

      hai proprio ragione…ma mi conosci ormai!

  2. 11 giugno 2013 09:39

    Passavo per l’inboccaallupo, dai che poi ne manca solo uno!!! 🙂

  3. 12 giugno 2013 09:43

    Day, baby, sei quasi alla fine, c’è luce in fondo al tunnel!!

  4. 13 giugno 2013 11:10

    i gatti, se non ci fossero bisognerebbe inventarli!
    l’ansia fa parte della tesi. endemica. ma passerà 🙂

    • mantiduzza permalink*
      13 giugno 2013 12:10

      più che da tesi credo sia da “insieme di cose”, la più importante delle quali è la futura probabile disoccupazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: