Skip to content

INTERNATIONAL

10 dicembre 2012

Immagine

 

Mi capita quando sono all’estero, ma anche quando vivevo a Bologna, che si sa, è un po’ estero, di sentirmi proprio international.
Ovvero. Me la cavicchio con la lingua, dissimulo l’accento italico, conosco le linee degli autobus e non uso la macchina fotografica la maggior parte del tempo. Accanto a me si sentono discussioni in idiomi diversi, di cui qualcosa capto, molto no. 
Ho le mie cose da fare e non sono proprio una turista. Ed ecco che la sensazione international mi piomba addosso. E’ sentirsi libera. E leggera. E in potenza. E’ sentire che il mondo è lì pronto per ricevere i miei spostamenti senza senso e che in ogni angolo di pianeta potrei sentirmi bene come in questo stesso momento. 

Dunque alla sensazione international seguono i sogni international, che arrivano abituali alla fine delle esperienze all’estero: comincio ad immaginarmi a Montreal o a Rio de Janeiro, a Dublino oppure a Parigi.

Poi torno a casa, ricomincio con la solita vita di sempre, la sensazione international si affievolisce, i sogni d’espatrio anche. Fino a che, fino a che non si prospetta un’opportunità. Che poi le opportunità si creano, non si prospettano. 

5 commenti leave one →
  1. 10 dicembre 2012 13:29

    Non so se la sensazione che descrivi è la stessa che provo io quando (spesso, per fortuna) sono all’estero, comunque hai ragione; è bello e fa sentire “bene” !

    A volte penso a chi, per scelta, rifiuta di spostarsi dal paesello natio ed è convinto che non esista niente di migliore della cucina di mamma (ne conosco qualcuno)… Quanto sarebbe migliore il mondo liberato da questi provincialismi!

    —Alex

  2. 10 dicembre 2012 15:41

    Si appunto, si creano!!!
    Vedo che per Stati vicini girano pensieri che si assomigliano 🙂

  3. valeriascrive permalink
    11 dicembre 2012 01:13

    come Alex.
    che palle quelli che non si schiodano da casa.

  4. 12 dicembre 2012 16:47

    hm… non è che Mantide ha già qualcosa che bolle in pentola?

    • mantiduzza permalink*
      12 dicembre 2012 19:43

      no.
      cioé, a parte il pensiero…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: