Skip to content

I PRIMI ARRIVEDERCI

30 settembre 2012

In questi ultimi giorni ho viaggiato insieme a tre amici, macchina noleggiata per poche decine d’euro, tenda e una cartina del Portogallo.
Siamo partiti da Coimbra e abbiamo proseguito per Piodão, Monsanto, Tomar, Batalha, Nazarè. Da lì poi verso Figueira da Foz e rientro a Coimbra. 700 km in 3 giorni, comunicazione in inglese maccheronico mischiato ad italiano, tedesco ed ungherese.
Abbiamo dormito sul pavimento e su un vecchio letto in una casa da ristrutturare, ancora non di proprietà di un quarantenne scozzese con cui abbiamo cantato tutta sera in un pub, insieme a ragazze australiane ed a un cantautore portoghese, incontrati per caso e che rimarranno tra i ricordi di questo tour surreale.
Ci siamo guardati negli occhi nel brindare con sfondo tramonto sull’oceano, siamo rimasti ammutoliti a guardare la forza delle onde, abbiamo aspettato il buio in macchina e mangiato sardine in scatola per tre giorni.
Abbiamo tamponato un auto, ci siamo abbracciati appena svegli, abbiamo fatto colazione in un bar solo per andare a lavarci, a turno, in bagno.

Ieri è partito Marco, oggi Akos, domani Rosemarie.
Partono per andare a studiare in altre città portoghesi, Coimbra per loro è stata solo una città ospitante per un mese, mentre io resto qua.
Eppure è così difficile dirsi arrivederci, anche se solo dopo un mese, anche se solo dopo quattro giorni passati insieme, così tanto insieme. E’ come se partisse un pezzo di stomaco, di cuore, di pelle.

Perchè se è vero che spesso tutto, tra gli Erasmus, tra gli studenti, è superficiale, un rimanere sul bordo, sulla patina che ci separa dal conoscerci davvero, non è sempre così, e non lo è stato in questi giorni.

Lei gli disse che il viaggio sia buono
Lui rispose soltanto lo sarà

3 commenti leave one →
  1. 30 settembre 2012 17:33

    L’importante è che non siano addii…

    —Alex

  2. 2 ottobre 2012 21:48

    Vorrei saperti comunicare quanto mi portano felicità questi tuoi post…macché superficiale, a me l’erasmus ha cambiato la vita, forse all’epoca me l’ha proprio salvata….
    Felice per te, davvero

Trackbacks

  1. SINKING AND DROWNING | NON MI LAMENTO MAI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: