Skip to content

METAPOST

16 novembre 2009

Parlo con un ragazzo (new entry nel mio cuor, ma siccome ultimamente il mio cuore assomiglia sempre più ad una porta girevole, vi consiglio di non affezionarvi al momentaneo fortunato, amici Bloggersss) e dico, sai domani pranzo con amiche norditaliane, ah si di dove?, beh, torino vicinotorino modena bologna, sai ci siamo conosciute sui nostri rispettivi blogS, ah si? hai un blog? mmm, si, ah, interessante mi dai l’indirizzo? ehm. direi di no, sai com’è, è anonimo, o quasi, preferisco mantenere separate le due sfere virtuallife e reallife, mi dice, perchè? beh, perchè se tu leggessi il mio blog poi sarebbe un casino riacquistare una certa dignità ai tuoi occhi, conosceresti immediatamente tutta la parte buia di me, tutte le paranoie, le tristezze, le debolezze, le lamentele, non credo sia quello che voglio, insomma, fottermi così immediatamente con le mie stesse mani, sarebbe sciocco no?, dovrei poi cercare di essere 10 volte più brillante di quel che sono già (!) con te per farmi guardare con occhi minimamente interessati.

Ecco, punto. Il blog.
Cos’è questo blog oramai?
Ogni tanto dò uno sguardo agli ultimi post. Lamentele, tristezze, solitudini, sguardi tristi.
Son mica così, eh.
Vorrei specificarlo.
So anche sorridere e ridere.
So anche essere ironica.
Non si direbbe eh?
Ed invece.

That’s why a (quasi) nessuno dei miei amici IRL (ho scoperto questo acronimo da nerd: in real life) ho rivelato questa URL (!).
Teniamo separato il muro del pianto dalla mia pienissima e allegrissima (ehm) vitaccia fatta di miiiiiiiille piccole cosine carine che qua spesso non scrivo.

Amo il mio blogghino a volte dimenticato, è pur sempre il luogo in cui da più di tre anni scrivo quando ne ho bisogno, una sorta di confessore laico che non mi dà avemarie per espiare le colpe. Non ne farei a meno. Ma questa non sono io, è solo una parte di me.

3 commenti leave one →
  1. aless permalink
    17 novembre 2009 09:27

    mi fa tenerezza il fatto che periodicamente tu senta l’sigenza di spiegare ai tuoi “lettori” che non sei solo lamenti, dubbi, tristezze, e insoddisfazioni… Credi che emerga solo questo dal tuo blog? No. Questo è quello che leggono i più cinici. Io, francamente, leggo di una donna sensibile, coraggiosa, curiosa, desiderosa di vivere la vita col naso all’insù, annusando tutto ciò che ha intorno, godendo dei profumi, infastidendosi dei cattivi odori e cercando di muoversi al meglio nella selva di alberi arbusti e fiori che è la vita. Chi ti legge capisce che hai una vita bella, fatta di cose belle e belle persone, che hai lottato giorno per giorno per essere quella che sei, e che per questo soffri ancora di più quando le cose non vanno come vorresti. Un abbraccio, una tua lettrice fedele 😉

  2. 18 novembre 2009 09:11

    Sottoscrivo, non avrei saputo scriverlo meglio.
    ciao

  3. verypipuffa permalink
    19 novembre 2009 10:47

    Capisco l’esigenza di Mantide, perchè molti pensano che un blog sia lo specchio della persona, che rifletta tutto quello che siamo invece non è così.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: