Skip to content

SVEGLIA 6.15

8 ottobre 2007

sonno-lieve.jpg

Sono di nuovo a Bologna, nell’ufficio-cella.
Tornata ieri sera in treno dove i libri mi hanno tenuta sveglia e con gli occhi quasi asciutti. Arrivata e ad aspettarmi un irritato -dal ritardo del treno e dal mio non trovarlo- BlueEyes. Scazzo durato 5 minuti con lui in silenzio e io in lacrime, che tanto ormai ci abbiamo fatto l’abitudine.
Poi scuse, abbraccio, e di nuovo occhi asciutti.

Ho passato un bel fine settimana, al Paesello. Partita venerdì mattina all’alba alle 9 c’era il Fotografo a prendermi in stazione, colazione iperburrosa con cappuccino e 2, dico 2, krapfen. A casa, Scassinabiciclettina e in banca, dalla dottora e poi dal Ric a farci un giro e a comprare le scarpe che mi serviranno sabato al congresso di Cesenatico.
Pomeriggio chiacchierosissimo con mamma. Quanto mi mancava?
Poi a fare un giro a PC sempre con Ric, che io mi sono messa le scarpe nuovissime e per punizione ho camminato scalza tutto il tempo, dopo aver provato anche a comprare dei cerotti in farmacia, che nulla poterono, però.

Serata di venerdì stanchissima quasi morta che se non fosse stata l’unica sera per uscire con i miei amici me ne sarei stata sotto il piumone, a Cremona con gli amici. E ridere e scherzare e cantare e raccontare in macchina quanto sia difficile starmene qua, lontana da loro, senza nessuna certezza.
Rientro a casa ore 3emezza, che era una vita che ero tornata a fare la brava bambina e non ricordavo più la stanchezza.
Sveglia biologica ore 6.15, ormai è un cult da un mese a questa parte, mi sveglio e me ne sto con gli occhi sbarrati fino a quando è l’ora di prepararsi. Ma questa volta sono sgattaiolata nel lettone di mamma, che papà già in piedi per andare al lavoro.
Patetico? Beh, non mi tange. Ho finalmente dormito.

Sabato tranquillo tranquillo che più tranquillo non si può, tante tante chiacchiere con Mum. Sarata con Sil a casa sua a mangiare cinese e raccontare. Un abbraccio forte forte e un ci sentiamo presto.

Domenica tranquilla, pulizie di casa e pizzoccheri favolosi. Pranzo domenicale con tutti i PERCHE’ la pannacotta e la famiglia.
Mia madre che prima che me ne vada mi dà una boccettina di fiori di Bach e mi dice “quando hai voglia di piangere prendili, male non fanno”.
In treno tantissime pagine lette per non piangere, il resto è ora.

Sveglia 6.15 anche oggi, ufficio freddo, nuova settimana.
A far la rivoluzione del tristeweb ci provo, ok?

9 commenti leave one →
  1. 8 ottobre 2007 13:31

    x il mio blog.non sei stata cattiva tranqui!
    un po’ ti invidio…i pizzoccheri!!! che boooni è una vita che non li magno!
    ciauz ps: vuoi un alberello? ehehhehehe

  2. 8 ottobre 2007 14:04

    Avrei voluto vederti, coi piedi scalzi e le scarpe in mano! 🙂

  3. mantiduzza permalink*
    8 ottobre 2007 14:17

    @fabbiè: ma non è mica la prima volta!
    a londra ho girato una notte intera a piedi scalzi per il dolore delle scarpe con il tacco (3 cm),
    a cremona invece i cm erano 12 e non sono riuscita neppure ad attraversare la piazza…
    questa è solo l’ennesima riprova che le scarpe con il tacco non fanno per me!!!

  4. verypipuffa permalink
    8 ottobre 2007 17:06

    Tesoro, attenta a questi we al paesello… non è che ti hanno scambiata per un tacchino da mettere all’ingrasso in vista del Natale? Occhio…

  5. mantiduzza permalink*
    8 ottobre 2007 17:18

    @piffè: hai ragione, ho mangiato come un bue al Paesello,primi, secondi, dolci…e sono tornata a Bologna con una torta e la scatola di ciobar…aiuuuuuuuutoooooo…

  6. precaria permalink
    9 ottobre 2007 10:12

    e si un’altra settimana…buon lavoro

  7. 9 ottobre 2007 10:32

    Giornataccia anche oggi, sono venuta a trovare quasi solo te e ritrovo lo stesso solo scritto di ieri.
    Basta lacrime, mantiduzza. Pensa a me che sono qui che sto combattendo per non far andare mio figlio in montagna a trovare l’amorino anche (e sottolineo anche) questa settimana. Anzi, da esperta pendolare come sei, se avessi qualche consiglio da darmi te ne sarei grata.

  8. 9 ottobre 2007 11:09

    un abbraccio virtuale, che spero arrivi al tuo ufficio-cella e ti scaldi un po’!

  9. 16 dicembre 2007 10:26

    Se ti piace camminare scalza, visita il nostro sito:
    http://www.nati-scalzi.org
    E lascia pure un messaggio sul forum!
    Temistocle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: