Skip to content

E’ VENERDI’

28 settembre 2007

calendariosettembre.jpg

E’ venerdì, ed è l’ultimo week end del mese.
Sono andata a vedere ciò che mi aveva predetto Cristina, amica aspirante maga, con i suoi tarocchi dell’anno. Per settembre mi preannunciava “le stelle: speranze realizzate”. Beh, ci sono ancora 2 giorni, no? Diamole fiducia.
Sembra passata una vita da quando, 1 mese esatto fa, sbarcavo a Bologna con lo zaino carico di libri, bellesperanze, amore e sorrisi. Sapevo sarebbe stata dura, ma non credevo così tanto.
Sono passati 30 giorni e 2 esami d’ammissione per l’università, 3 settimane di lavoro, qualche nuova conoscenza, 1 week end di rientro al Paesello, tanti CV inviati, tante tante tante lacrime, tanto freddo preso, tanti chilometri macinati con Bolognina.
Tra due giorni si gira la pagina del calendario, per Ottobre Cristina prevede un mese di passione (diavolo) per cui proprio ora che ho smesso di prendere la pillola meglio stare all’occhio.
D’altro canto ho scoperto che i miei genitori non leggono questo blog, o almeno celano molto molto bene, perchè con quello che ho scritto negli scorsi giorni una telefonata ci sarebbe anche stata, e invece no. Solo una mail al giorno con mà, che si stupisce quando le scrivo che mi manca.
Un week end che mi piacerebbe fare acquisti folli, andare all’ikea per arredare la mia camera troppo bianca, comprarmi il set di camic(i)e della benetton che sono proprio belle, le ho viste oggi che mi facevo un giro in pausa pranzo. Vorrei correre in un prato, domani. Vorrei lasciarmi abbracciare fino a fare male, che le lacrime escano tutte tutte tutte insieme così che poi non ne debba piangere più.

Vorrei che questa mia nuova silenziosa amica -di quelle persone che vedi lontano un miglio che c’è tanto in comune, che staresti ore ad ascoltarle, che le vuoi già bene nonostante una settimana di conoscenza- possa avere un esito negativo dalle analisi, che usciremmo a festeggiare, e a bere, e prometto che quella sera sarei felice, e neppure una lacrima, nono, solo sorrisi e risa stupide e sguardi felici. Perchè la vita è vita.

7 commenti leave one →
  1. b.a.-versione maestrina dalla penna rossa permalink
    28 settembre 2007 17:19

    Camicie… mantiduzza…. e secondo il mio modesto parere non te la stai cavando affatto male in questa “nuova” vita che hai scelto.

  2. Lilith permalink
    28 settembre 2007 20:05

    Ci sono i giardini Margherita, se domani c’è il sole e non fa troppo freddo. E prati in cui rotolarsi. Ti leggo da un po’, le braccia che ti stringano ci sono. E poi per quando è più freddo dentro all’Ikea, che è un mondo di colori e il bologna gioca in trasferta, così non rischi l’ingorgo a Casalecchio (e maledicimaledicimaledici il tuo disinteresse per il calcio, per la pagina sportiva che ignori regolarmente, nel giornale che compri ogni giorno, altrimenti l’avresti saputo che si gioca a calcio anche di martedì!). Per finire te lo posso dare un consiglio? C’è un bar, in via Cartolerie (tra SAnto stefano e CAstiglione) , che è un rifugio accogliente, fatto di the caldo e torta al cioccolato da leccarsi i baffi per ore.
    Coraggio. E’ cinica Bologna, altera nel lasciarti solo, libero certo, ma solo. Però sa farsi amare, credimi. Che anch’io sono fuorisede come te (da più tempo, anche se sono più piccola) e lo so sulla mia pelle cosa significa essere un pendolo. E avere paura. Ma poi passa.
    Un abbraccio, e scusa per quest’intrusione…

  3. 29 settembre 2007 10:48

    Scusa per i giorni silenziosi..proprio ora che ti ci volevano due risate, uff! Ma diciamo che mi sto sistemando e (lo dico piano piano) da lunedì dovrei riuscire a gestire di nuovo io la mia vita e non lasciare, come nell’ultimo mese, che fosse il lavoro a gestire me! Quindi…. andiamo su, c’è il sole, spero regga qualche giorno…così ci facciamo un bell’aperitivo chiacchieroso, come l’altra volta!!! Bacio bacione!!!! (e fatti stringere fortisssssssssssimo… che prima che faccia male ce ne vuole!)

  4. precaria permalink
    29 settembre 2007 19:12

    brava lo penso anche io…la vita è vita e va vissuta.

  5. Elena permalink
    30 settembre 2007 12:49

    Anche io fuori sede..
    Sono Elena, ho ricevuto la tua mail…
    E’ il male di vivere- Montale non scherzava quando lo diceva- è il male del nostro tempo. Testa alta per fargli vedere che noi no non ci caschiamo. un abbraccio forte. ps mi fai sapere un pò iù della tua scelta di trasferirti? baci

  6. mantiduzza permalink*
    1 ottobre 2007 11:11

    @cignetta: grazie della sottolineatura rossa ;)… non so quanto bene me la sto cavando, in realtà…

    @lilith: piacevolissima intrusione, la tua, grazie del commento. in questo we sono stata sia ai giardini che all’ikea…la mia camera ora profuma di legno…e il bar che mi hai raccomandato l’ho visto stamattina…e ci farò presto un salto.
    torna quando vuoi…

    @Mille: grazie. aperitivo appena si incastrano gli orari, per me è solo un piacere, davvero

    @Elena: scrivimi due righe via mail, rispondendo alla mia, che non ho più il tuo indirizzo…così poi ti racconto.

    grazie amici.
    si ricomincia questa nuova settimana.
    respirare profondamente…evvia.

  7. 1 ottobre 2007 16:16

    Sará un bell’Ottobre se cosí lo vorremo, che giá volerlo vivere é tantaroba!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: