Skip to content

GRANITE E PENSIERI

15 giugno 2006

Poco fa me ne stavo su una panchina, nel parco del paesello, all’ombra, granita in mano cannuccia in bocca; insomma una vera goduria dato il gran caldo e la poca voglia di studiare.

Me ne stavo lì, e guardavo il monumento "ai fratelli gloriosi che non tornarono".

E’ una grossa scultura in chissàqualemateriale. E rappresenta un giovane uomo, nudo, con una spada in mano nell’atto del riporla nel fodero. Su tutto il corpo del giovane uomo scolpito, stricioline di colori diversi, come di pioggia colorata scivolatagli addosso e poi asciugata. Guardando bene ci si accorge che altro non è che cacca di piccione, che con il sole, la pioggia, la brina, la forza di gravità, dalla testa viene giù giù fino ai piedi, colorando Marco (l’uomonudodelparco) con tutte quelle sfumature che lo rendono quasi vivo.

E ho pensato quanto fosse poco onorevole per lui, così orgoglioso nel suo gesto di prode eroe che ripone la spada, essere pieno di cacca piccionesca. Un po’ mi è dispiaciuto, ho pensato di prendere una canna e innaffiare via tutto lo sporco…

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: